Categoria: Guide e Consigli

Glossario delle forniture Luce e Gas: le domande frequenti

Dati di Consumo

Lettura Effettiva

La lettura effettiva è rilevata direttamente dal fornitore ed è trasmessa al venditore per la fatturazione. Le modalità di lettura sono due:

- Presso il punto di fornitura (in caso di contatore meccanico);
- Da remoto (in caso di contatore elettronico).

La lettura corrisponde al numero presente sul contatore in una data definita, chiamata "data di lettura". Coincide con l’ultimo giorno del mese in caso di energia elettrica con contatore elettronico.

Autolettura

L’autolettura è il dato presente sul contatore e che il cliente può leggere in autonomia per trasmetterlo al fornitore.

Consumo Stimato

Il Consumo Stimato è un’approssimazione del consumo del contatore e può essere utilizzato ai fini della fatturazione. I casi previsti per l'utilizzo sono i seguenti:

- Qualora l'utente non sia riuscito ad ottenere una lettura effettiva;
- Se l’autolettura non è disponibile;
- Se il contratto si basa su consumi convenzionali.

Il consumo stimato si basa sui dati storici dell’utenza; in caso di nuovo contratto la stima si baserà sul dato presunto dichiarato dal consumatore.

Per tutti i clienti luce con un contatore meccanico e per tutti quelli gas con obbligo di lettura diversa da quella mensile, il fornitore è obbligato a mettere a disposizione una modalità di comunicazione per l’autolettura e deve informare il consumatore almeno 1 volta all’anno. Quando l’utente trasmette l’autolettura, il venditore è obbligato a comunicare l'accettazione o meno entro 4 giorni.

I dati di consumo del cliente sono in possesso dei seguenti soggetti:

- Il distributore;
- Il Sistema Informativo Integrato che prende i dati validati dal distributore notificandone la disponibilità ai venditori;
- Il venditore a cui tali dati servono per la fatturazione finale.

Per i clienti con contatori meccanici il distributore ha i seguenti obblighi:

- Deve effettuare la lettura 1 volta ogni 4 mesi per i clienti con potenza non superiore a 16,5 kW, ovvero il classico utente domestico;
- Almeno 1 volta al mese per i clienti con potenza superiore a 16,5 kW;
- Almeno 1 volta al mese in caso di contatore elettronico, includendo i dati di potenza attiva massima del mese (dove possibile);
- Ogni giorno in caso di misuratore 2G.

La raccolta dei dati deve avvenire:

- Almeno 1 volta all’anno per i clienti con consumi fino a 500 Smc/anno;
- Almeno 2 volte all’anno per i clienti con consumi superiori a 500 Smc/anno e fino a 1500 Smc/anno;
- Almeno 3 volte all’anno per i clienti con consumi superiori a 1500 Smc/anno e fino a 5000 Smc/anno;
- Almeno 1 volta al mese per i clienti con consumi fino a 5000 Smc/anno, esclusi i mesi con consumi inferiori del 90%.

Le fasce orarie per l’energia elettrica corrispondono a periodi di tempo in cui i prezzi cambiano. Sono stabilite dall’ARERA e si suddividono in:

- Fascia F1: dalle 8 alle 19 dei giorni feriali;
- Fascia F2: dalle 19 alle 8 di tutti i giorni feriali;
- Fascia F3: tutti i sabati, domeniche e festivi.

Per i clienti domestici, serviti in maggior tutela, i consumi sono suddivisi in F1 e F23, che comprendono le ore delle fasce F2 e F3.
I contratti possono quindi avere soluzioni flessibili e personalizzate in base alle necessità del cliente e agli orari di utilizzo.

I kWh sono l’unità di misura per i consumi elettrici. In bolletta i consumi sono fatturati in euro/kWh.

Gli SMC sono l’unità di misura per i consumi del gas. Il contatore misura la componente in metri cubi (mc); in bolletta la fatturazione si basa sullo standard metro cubo (Smc). Gli Smc si ottengono moltiplicando i metri cubi per un coefficiente di conversione (C) definito da parametrici molto precisi che tengono conto delle condizioni fisiche del gas per ogni differente località.

Il Contatore

Il contatore può essere meccanico, tradizionale (sempre meno diffuso), o elettronico e disposto alla telegestione.

La telegestione è una modalità di gestione dei contatori (elettronici o smart) a distanza, in cui non è richiesto l’intervento in loco.

Con la telegestione è possibile effettuare a distanza:

- l’attivazione o la cessazione dell’utenza;
- Il cambio di potenza;
- La lettura dei consumi.

I misuratori di seconda generazione (smart meter) sono misuratori elettronici con sistema di telegestione di seconda generazione. Il distributore acquisisce i dati dei consumi effettuati in ciascuno dei 96 quarti d'ora giornalieri (dati quartorari) e li trasmette giornalmente al venditore. Il misuratore 2G permette di configurare fino a 6 fasce orarie per soluzioni più flessibili.

Le tipologie di contatore per l'energia elettrica si suddividono in:

- Gestione per fasce: il più diffuso, rileva l’energia immessa e prelevata nelle fasce orarie convenzionali F1, F2 e F3;
- Gestione Oraria: alcuni contatori sono installati per punti di prelievo in bassa tensione, con potenze superiori a 55 kW e registrano l’energia in ciascuna ora.

Contatore in funzione - primi 2 mesi: fase transitoria in cui si mette in condizioni di operatività la zona con la posa dell’infrastruttura. Le tempistiche si calcolano dalla data di posa;
Contatore attivo - successivi 12 mesi: sono definiti mesi a regime provvisori perché i dati, raccolti giornalmente, sono letti ancora mensilmente dal fornitore.
Contatore completamente configurabile: il trattamento dei dati inizia a partire dal 15° mese dopo la messa in operatività del sistema.

La classe del contatore per il gas corrisponde al diametro dell’ultimo tratto di tubo che porta il gas. È fondamentale per l’applicazione della fattura e per la quantificazione di eventuali indennizzi. La classe del contatore è identificata dalla lettera “G” seguita da un numero: es. G1, G4, G6, G20, G30…

Forniture energia elettrica

Il POD (Punto di Prelievo - Point Of Delivery) è un codice alfanumerico di 14-15 caratteri che identifica in modo univoco il punto di prelievo in cui l’energia viene consegnata e prelevata dal cliente. Qualora si cambiasse il fornitore il POD non cambierà.

La potenza impegnata corrisponde al livello di potenza fornito dal venditore. Si esprime in KW ed è indicato nel contratto energetico.

Servizio di maggior tutela

Consiste nella fornitura di energia elettrica per coloro che non hanno stipulato nuovi contratti nel mercato libero. Le condizioni economiche e contrattuali sono disciplinate dall’ARERA.

Mercato libero

Si riferisce al libero mercato in cui il consumatore sceglie liberamente il proprio fornitore di luce e gas. I termini contrattuali non sono disciplinati dall’ARERA ma da entrambe le parti, fornitore e cliente.

Salvaguardia

Fornitura per gli utenti alimentati da media tensione o per le azienda in bassa tensione (con più di 50 dipendenti e un fatturato annuo maggiore di 10 milioni) che non hanno scelto un fornitore nel libero mercato.

Forniture Gas

Il PDR, ovvero Punto Di Riconsegna, è un codice di 14 numeri che identifica il punto fisico in cui il gas viene consegnato e prelevato dal cliente. Il codice non cambia anche se si cambia fornitore.

Servizio di tutela

Servizio di fornitura di gas con condizioni economiche e contrattuali stabilite dall’ARERA. È rivolto ai clienti domestici con consumi annui non superiori a 200 000 Smc. Fanno parte di questa tipologia sia i clienti che non hanno mai cambiato venditore dopo il 2002, sia quelli che hanno scelto le condizioni dell’ARERA.

Mercato libero

È il mercato in cui i clienti decidono il fornitore e le condizioni contrattuali sono stabilite da entrambe le parti.

Servizio di default

Questo tipo di servizio è attivato dal distributore competente del territorio, ma solo per alcuni utenti:

- Consumatori morosi a cui non è stato possibile interrompere la fornitura;
- Consumatori che per cause esterne non hanno diritto al FUI (Fornitore di Ultima Istanza). La fornitura viene assegnata ad uno specifico distributore selezionato dall’acquirente unico attraverso una gara stabilita dall’ARERA.

Servizio di Fornitore di Ultima Istanza (FUI)

Rientrano in questo servizio due tipologie di utenti:

- Consumatori privi di un fornitore per cause indipendenti dalla loro volontà
- Consumatori non disalimentabili senza fornitore. La fornitura viene assegnata ad uno specifico distributore selezionato dall’acquirente unico attraverso un’asta stabilita dall’ARERA.


Potrebbe interessarti anche

Compara e Risparmia Offerte Luce e Gas

Logo ITM   © concept & design ITM | ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. | contact | Privacy

P.I.: 10517020011