Categoria: Guide e Consigli

contatore digitale

I contatori di nuova generazione sono più funzionali: ecco come va fatta la lettura dei consumi su un contatore digitale e in cosa è diverso da quelli di vecchia generazione

Più pratici da usare e affidabili: i contatori digitali hanno sostituito quasi del tutto quelli meccanici. Grazie a questi nuovi strumenti, l'utente può verificare meglio i consumi e interagire con il proprio fornitore di luce e gas. Con quelli meccanici, le uniche valutazioni dei consumi che si potevano fare dipendevano dalla velocità della rotellina: il controllo sui propri consumi quindi non poteva essere davvero preciso. Per la luce elettrica, ogni giro della rotellina equivaleva ad una quantità di KWh che veniva impostata e non era quindi possibile fare delle valutazioni sulla convenienza o meno della propria tariffa monoraria o bioraria.

Con il subentro del contatore digitale, le informazioni a disposizione dell'utente sono aumentate e sono più precise. Oltre all'attivazione da remoto, è possibile verificare il consumo a seconda della fascia oraria grazie alle funzioni del display.

Ecco tutte le informazioni che può fornire un contatore digitale

Ti ricordiamo che il contatore è uno strumento fondamentale nelle mani del consumatore, che grazie all'autolettura può evitare di pagare conguagli da capogiro, facendosi fatturare solo i consumi reali. Detto ciò, il contatore digitale ha altre funzionalità e può darti molte informazioni rispetto al classico contatore meccanico:

1) codice POD (per la luce) e codice PDR (per il gas): a seconda del modello di contatore digitale, queste informazioni possono essere facilmente reperite senza dover andare a cercare l'ultima bolletta ricevuta;

2) potenza istantanea e massima potenza istantanea: nei contatori digitali della luce permettono di verificare quanti KWh vengono assorbiti dai singoli elettrodomestici e quanti ne sono stati consumati quando si è raggiunto il picco più alto di assorbimento;

3) i consumi in ciascuna fascia oraria;

4) numero cliente (diverso dal POD e dal PDR, che non cambiano ma restano uguali perché sono i codici che indicano la posizione fisica dei contatori);

5) messaggi di errore e malfunzionamento: sembrerà scontato (ma non lo è vista la rudimentalità dei vecchi contatori), ma anomalie e funzionamenti di ogni tipo vengono chiaramente comunicati sullo schermo.

Il contatore digitale è di proprietà del distributore, che va contattato nel caso di malfunzionamenti.

Se i consumi segnati nel contatore ti sembrano anomali, devi immediatamente contattare l'assistenza per non rischiare che vengano poi inviati dal fornitore conguagli molto elevati rispetto ai consumi abituali.

Se stai cercando un modo per risparmiare grazie a tariffe convenienti di luce e gas, puoi provare a fare un confronto con quelle dei migliori fornitori. Le trovi sul nostro portale di Compara e Risparmia

 


Potrebbe interessarti anche

Compara e Risparmia Offerte Luce e Gas

Logo ITM   © concept & design ITM | ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. | contact | Privacy

P.I.: 10517020011