Categoria: Guide e Consigli

accise energia elettrica

Le accise sono comuni a molti settori, ed in maniera particolarmente evidente su quello energetico, che può essere soggetto anche a tributi regionali e comunali. Ma vi sono dei casi nei quali si può evitare di pagarle, ecco quali.

L’accisa viene definita come un’imposta indiretta sui consumi. Questa dipende dalla quantità consumata di luce, per cui ha un importo variabile in bolletta.

Accise sulla bolletta della luce: perché e come vengono applicate

Analizzando la bolletta, emerge come le accise rientrino tra le principali voci; possono essere oggetto di aggiornamenti, anche se si tratta di importi minimi per il residenziale.

Le accise, che originariamente erano conosciute come "tasse di fabbricazione", come avviene tutt’ora, venivano applicate sulla transazione venditore-acquirente ma si applicavano solo su petrolio e prodotti correlati, poi sono state ampliate anche ai settori energetici e dei consumi.
Esistono per coprire determinati fabbisogni finanziari a livello nazionale e costituiscono un'entrata permanente per lo Stato.

Spesso si può immaginare l'IVA come una voce tra le accise, ma non rientra tra queste ultime essendo un'imposta di tipo diverso. In bolletta infatti appaiono sotto due sezioni distinte.

Le accise sull'energia elettrica sono differenti a seconda che il contratto sia domestico o industriale e vengono applicate sulla base dei Kwh consumati.

Per i consumi domestici, vengono applicate nello stesso ammontare su tutto il territorio nazionale, che si attesta a 0,0227 €/kWh.
Nel caso delle abitazioni con residenza, dove la potenza disponibile è fino a 3Kw, si ha diritto ad un'esenzione mensile per i primi 150 kWh. Oltre questo consumo si applica l'accisa sopra indicata.

Offerte Enel luce e gas

Per l'illuminazione pubblica e nei contratti con fini commerciali o industriali, l'accisa è inferiore e si attesta a 0,0125 €/kWh fino a 200mila kWh di consumo e 0,0075 €/kWh oltre tale soglia.

Per consumi oltre 1,2 milioni di kWh il calcolo è in due scaglioni: 0,0125 €/kWh fino a 200 mila Kwh e un importo di €4.820,00 per la parte eccedente.

Accise energia elettrica: quando non si applicano

Le accise sulla bolletta della luce non vengono applicate nel caso di contratti di fornitura stipulati con i seguenti fini:

  • produzione di beni, dove il costo dell'energia incide oltre il 50% sul costo finale
  • produzione di elettricità
  • enti diplomatici e consolati
  • organizzazioni internazionali, in base a specifiche condizioni
  • sedi militari dei membri N.A.T.O., escluse quelle delle forze armate nazionali

Risparmiare sulla bolletta della luce

La parte fissa di bollette non è qualcosa su cui si possa agire, ma cambiando fornitore si può senz'altro risparmiare una cifra notevole. Scopri le migliori offerte del momento di luce e gas su Compara e Risparmia!


Condividi su


Potrebbe interessarti anche

Compara e Risparmia Offerte Luce e Gas

Logo ITM © concept&design ITM. Ogni riproduzione, anche parziale, è vietata. Contact | Privacy

Il servizio di comparazione tariffe (Luce, Gas, ADSL, Fibra) ed i servizi di marketing sono gestiti da Italia Mobile S.r.l. | Strada Genova, 216 - 10024 Moncalieri (To) | P.I.: 10517020011